Consulenza business plan

Consulenza business plan: un supporto professionale per la redazione del piano industriale

Il nostro studio offre supporto per la redazione del business plan nelle varie occasioni in cui se ne rende necessaria la predisposizione.

La presentazione del servizio “Consulenza Business Plan” si articola come segue.

Indice

business plan: domande e risposte

Business plan: uno strumento di gestione non opzionale

  • Che cosa è

Guida business plan

Uno strumento di direzione

Il business plan (o piano industriale) è uno strumento di direzione, come il budget o la contabilità analitica, la cui importanza è venuta crescendo in questi anni.

Esso è  uno strumento che serve alla direzione per due fondamentali scopi, che possono coesistere:

  1. il più comune, nella realtà delle imprese italiane, è quello di  adempiere a richieste di soggetti esterni, tipicamente finanziatori di progetti di investimento intrapresi dall’azienda già operante o da una start-up. E’ cioè uno strumento di informazione a terzi per ottenerne capitali o altre modalità di coinvolgimento nella gestione aziendale;
  2. il secondo, abituale nelle grandi aziende, ma quanto mai utile in qualsiasi organizzazione gestita in modo manageriale, consiste nel guidare la direzione e i ruoli chiave nell’attuazione della strategia di business. In tale veste è il perno su cui ruota l’intero “sistema di management” dell’azienda (budgeting, reporting, valutazione delle prestazioni, ecc.).

Oltre a tali scopi fondamentali, il business plan è anche uno strumento necessario in tutti i casi in cui occorra fare una valutazione economica d’azienda o di sue parti, ad esempio in occasione di operazioni straordinarie, come acquisizioni, trasformazioni, fusioni, ecc.

Indice

  • A chi e quando serve il business plan

a chi serve piano industriale

Il piano serve alla direzione dell’impresa

E’ evidente da quanto detto che il business plan serve alle direzioni d’impresa per rapportarsi con vari  interlocutori esterni, per convincerli della bontà dei propri progetti (in primis per ottenere capitali sotto forma di prestiti, contributi, ecc.) o in occasione di valutazioni d’azienda, così come per ottimizzare la concreta attuazione della strategia di business e guidare l’azione dei ruoli manageriali coinvolti.

Ci sono però alcuni punti che riteniamo utile sottolineare.

Il piano è utile anche alle PMI

Una prima osservazione riguarda il fatto che, da quanto descritto, si potrebbe erroneamente pensare che il business plan riguardi solo realtà di una certa dimensione. Non è così. Si tratta infatti di un documento la cui formulazione è richiesta (ed opportuna) anche in situazioni relativamente meno complesse, quale potrebbe essere l’apertura di un negozio di prodotti parafarmaceutici, o di un centro estetico, o una qualunque altra attività industriale, commerciale o di servizi. La complessità del documento sarà minore e l’articolazione più snella, ma le logiche sottostanti – se correttamente applicate – non cambiano  (Serve il business plan alle PMI?).

Attenzione: il piano non contiene solo “numeri”

Ciò sottolineato, il secondo punto è la constatazione che spesso si tratta di PMI oppure start-up che, per accedere a finanziamenti agevolati o a contributi a fondo perduto, devono presentare domande e rispondere a questionari predisposti dai loro interlocutori (banche, istituzioni pubbliche nazionali o comunitarie, advisor finanziari, ecc.). In tali casi si verifica a volte un fenomeno curioso: si identifica il business plan con il solo bilancio preventivo, oltretutto interpretato così: “tanto esiste già il software”, come se le formule non dipendessero da variabili strategiche qualitative, oggetto di scelta. In realtà tutto l’insieme delle informazioni richieste deve possedere requisiti di sistematicità e attendibilità tali da evitare il rischio di “sparare numeri” di bilancio a caso e, nonostante l’uso di qualche algoritmo, rendere il piano un libro dei desideri.

Il piano per prevenire le crisi d’impresa, per il risanamento, nelle procedure concorsuali

Un terzo punto che ci sembra utile segnalare è l’affermarsi di destinatari nuovi. Se in passato il business plan era soprattutto predisposto per le banche e gli investitori (oltre che per il management, ovviamente), la riforma della legge fallimentare e l’affermarsi di nuove procedure concorsuali ed extra-concorsuali ne hanno promosso l’utilizzo verso gli organi giudiziari preposti alle varie procedure. A rafforzare ulteriormente tale esigenza vi è l’entrata in vigore del “Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza“, che imponendo alle imprese obblighi stringenti di monitoraggio della solvibilità e della continuità aziendale rende il piano industriale,  quale parte integrante del sistema di controllo di gestione,  uno strumento irrinunciabile (Adeguati assetti organizzativi e controllo di gestione).

Il business plan nella richiesta di contributi europei

Un particolare ambito nel quale non si può prescindere dalla redazione di uno (o più)  business plan è quello dei finanziamenti comunitari. Si pensi, ad esempio, all’Accelerator dell’European Innovation Council (ex SME Instrument di HORIZON 2020), che esplicitamente richiede la predisposizione di un piano di sviluppo per l’accesso ai benefici contemplati dal programma.

Responsabilità degli amministratori e valenza civilistica del piano d’impresa

Vogliamo infine segnalare il fatto che la predisposizione del business plan viene incontro al dettato dell’art. 2381 del codice civile, il quale lega la responsabilità degli amministratori di società di capitali al loro “agire informato“. Si ritiene che tale requisito possa essere più facilmente soddisfatto, ovviamente tra altri adempimenti, se chi ha il governo dell’impresa ne rende espliciti gli obiettivi, i programmi e le connesse verifiche di fattibilità economica e finanziaria mediante la periodica formalizzazione di piani industriali.

Indice

  • Contenuti essenziali del piano

Alcuni punti fermi

Con riferimento al contenuto del business plan, sia pure nell’ampia varietà di situazioni, mettiamo pochi punti fermi.

Il business plan deve in ogni caso chiarire:

  1. la strategia realizzata e in corso e i suoi risultati recenti (per imprese già in funzionamento);
  2. l’idea imprenditoriale di base, che indirizza la gestione futura di un periodo “lungo”;
  3. il modello di business che fornisce una mappa delle variabili critiche su cui fare leva per attuare l’idea;
  4. i piani d’azione e i progetti che danno concretezza a idee e mappe strategiche;
  5. i risultati economico-finanziari attesi nell’arco di tempo pluriennale considerato.

I primi quattro punti sono la base dei numeri finali. Senza di essi il bilancio preventivo rischia di essere un tentativo velleitario di stima dei valori futuri o un fantasioso libro dei desideri.

Indice

  • PMI e business plan nella richiesta di un finanziamento alla banca

accesso al credito

“Fare impresa è l’esatto contrario dell’improvvisazione”

Nel caso in cui il business plan sia redatto per una richiesta di finanziamento ad una banca, occorre che il richiedente tenga conto di alcuni aspetti importanti:

  1. Le banche tendono a richiedere, per la concessione del finanziamento, l’apporto di mezzi finanziari propri da parte del richiedente, in misura variabile a seconda dei casi. Ciò, indipendentemente da garanzie reali, è un presupposto per garantire consapevolezza del rischio imprenditoriale e del significato vero di “fare impresa”.
  2. Il business plan non è un semplice adempimento formale, a volte con “quattro numeri” e senza un’adeguata analisi del progetto imprenditoriale con il quale giustificare le grandezze economiche e finanziarie future e i risultati attesi. La sua redazione è impegnativa e richiede conoscenze professionali evolute. Non basta affidarsi a un  software per produrre numeri!
  3. Proprio perché la banca richiede consapevolezza gestionale, il business plan ha una duplice valenza: deve convincerla della bontà del progetto e deve servire all’imprenditore come strumento di guida per tradurre il progetto in pratica e gestire l’azienda in modo consapevole. Fare impresa è l’esatto contrario dell’improvvisazione.
  4. Quanto sopra vale per la start-up come per l’impresa già in funzionamento, con la differenza che nella start-up la sensibilità per gli aspetti gestionali e la percezione del rischio è spesso assai limitata, anche se magari le idee imprenditoriali sono valide. Idee e buona volontà non sono sufficienti per convincere la banca, che fa del credito il suo business, non un’occasione di beneficenza.

Indice

La nostra consulenza a supporto della redazione del business plan

  • Consulenza per la redazione del business plan

Un’esperienza pluriennale

Il nostro studio può essere di supporto nelle diverse situazioni prospettate, se necessario coinvolgendo altri specialisti.

L’esperienza pluriennale nel campo della consulenza di management e le competenze proprie del dottore commercialista ci consentono di supportare la direzione, sia per scopi interni di programmazione, sia per comunicare con efficacia e trasparenza verso gli interlocutori esterni.

Ci soffermiamo sul secondo caso, con specifico riferimento a PMI e start-up.

Indice

 

  • Supporto alla redazione del business plan per PMI e start-up

PMI

Per PMI

Quello che proponiamo ai nostri clienti appartenenti al vasto mondo delle PMI, per venire incontro ad esigenze di costo, è una versione essenziale e semplificata del contenuto indicato in precedenza.

Ovviamente, la versione è tanto più essenziale quanto più è semplice il business.

La semplificazione del business plan si materializza all’incirca così per imprese già costituite e piani rivolti alle banche:

  1. breve descrizione dell’azienda (prodotti, mercati, struttura organizzativa) e dei risultati di sintesi conseguiti negli ultimi 3 anni;
  2. illustrazione sintetica di che cosa intende essere l’azienda nel futuro, esplicitando:
  • che cosa produrre
  • per chi
  • come

nell’arco di tempo futuro considerato (es. 3 anni), idea che può discostarsi dalla strategia già in essere o mantenerla invariata o quasi;

3. individuazione dei (pochi) fattori-chiave per ottenere i risultati attesi, cioè:

    • le proposte di valore per i clienti
    • i processi-chiave di gestione
    • le risorse-chiave

4. indicazione dei piani d’azione (marketing, produzione, ricerca, ecc.) per intervenire efficacemente sui fattori-chiave, senza analisi dettagliata dei corrispondenti progetti;

5. bilancio preventivo pluriennale articolato nei vari anni del piano, in forma aggregata.

Per start-up

In tal caso, e sempre ipotizzando un business plan rivolto a banche, viene meno ovviamente la possibilità di presentare strategie realizzate, prodotti e mercati esistenti e risultati conseguiti, mentre gli altri punti possono richiedere analisi e previsioni impegnative nel caso di business complessi e/o innovativi, cosa che di norma non avviene in caso di iniziative imprenditoriali che intendono svilupparsi in settori tradizionali e senza particolari innovazioni nel modello di business proposto.

Indice

 

  • Come si svolge la consulenza

fare business plan

Come procediamo

La formulazione del business plan nelle situazioni più semplici sopra accennate (sia di imprese già costituite, sia di start-up) comporta, da un punto di vista operativo:

  • la richiesta da parte nostra di una serie di dati e informazioni, che potrà essere integrata da altre richieste per completamento/integrazione durante i lavori; le nostre richieste e la successiva trasmissione di informazioni da parte del cliente avvengono di regola mediante contatti a distanza (telefono, e-mail, video-collegamenti, ecc.);
  • tempi di esecuzione dei lavori che, nei casi più semplici, comportano circa due settimane per la consegna del documento al cliente, a partire da quando la documentazione richiesta è resa disponibile;
  • pagamento anticipato dell’onorario, all’atto dell’accettazione della lettera d’incarico da parte del cliente.

Possiamo intervenire sull’intero territorio nazionale, se necessario recandoci presso la sede del cliente oppure, come già precisato, programmando sessioni di confronto a distanza, contatti telefonici, mail.

Indice

 

Translate »